Il nostro network: News e Eventi | Ultim'ora e Politica | Hotels e Alloggi
Martedì 22 Luglio 2014Meteo:
English

Persiceto “Città del Carnevale storico e dello Spillo”

San Giovanni in Persiceto -

Comunicato stampa

Nella seduta del consiglio comunale di ieri, martedì 28 febbraio, è stata approvata una delibera che riconosce ufficialmente Persiceto come "Città del Carnevale storico e dello Spillo". A breve appositi cartelli stradali turistici, con la denominazione ufficiale, verranno collocati nelle maggiori vie d'accesso al capoluogo.

Manca meno di un mese ma a Persiceto si respira già aria di Carnevale perché quest'anno sarà un'edizione speciale: il 23 febbraio e il 2 marzo saranno le due domeniche della 140° edizione ed è recentissima ed ufficiale la denominazione di Persiceto "Città del Carnevale storico e dello Spillo". Nella seduta del consiglio comunale di ieri, martedì 28 febbraio, è stata approvata una delibera che attribuisce ufficialmente a Persiceto tale denominazione e a breve appositi cartelli stradali turistici verranno collocati nelle maggiori vie d'accesso al capoluogo.
Recenti ricerche effettuate nell'Archivio storico comunale hanno permesso di recuperare documenti storici sul conferimento del titolo onorifico di "Città" a San Giovanni in Persiceto da Papa Gregorio XVI, con provvedimento del 1838, e successiva attribuzione del medesimo titolo dal capo del Governo Mussolini, con provvedimento del 1928: Persiceto ha quindi titolo ufficiale per fregiarsi del riconoscimento di "Città". Unitamente a questo, nel 2002 con una deliberazione di giunta Regionale, il Comune di San Giovanni è stato inserito nell'elenco dei Comuni ad economia prevalentemente turistica e delle Città d'arte. L'amministrazione comunale di Persiceto poi, in questi ultimi anni ha intrapreso varie forme valorizzazione del territorio fra cui quella di promozione di uno degli eventi culturali che meglio incarnano l'identità storica e artistica di Persiceto: il carnevale, tanto che nel 2012 si è giunti ad approvare una Convenzione sperimentale tra l'Amministrazione Comunale e l'Associazione Carnevale Persiceto per la realizzazione di "manifestazioni di promozione e valorizzazione del territorio per l'anno 2013, ed in particolare per il Carnevale persicetano". Considerato poi che la caratteristica dello "Spillo" connota in maniera peculiare il Carnevale Persicetano e che questa caratteristica appartiene alle origini stesse del Carnevale persicetano, tanto da essere già presente come definizione nelle cronache di fine ottocento, si è pensato di riconoscere Persiceto con l'ufficiale denominazione di "Città del Carnevale Storico e dello Spillo".

Seguono notizie sul Carnevale storico persicetano


Lorenza Govoni
Ufficio stampa, tel. 051.6812795

****************************************************************

Breve storia del Carnevale di Persiceto
La prima edizione ufficiale del Carnevale di San Giovanni in Persiceto risale al 1874, grazie alla Società del Bertoldo, fondata l'anno precedente, che si pose come obiettivo di organizzare e coordinare tutte le attività spontanee che si svolgevano in tempo di Carnevale, ma secoli prima se ne trovano le tracce in scritti di studiosi di storia locale. Alla sezione manoscritti della biblioteca dell'Archiginnasio di Bologna è conservato un documento antico, con la presunta data del 1605, in cui si elencano le spese sostenute da San Giovanni in Persiceto per eventi legati alle feste di Carnevale. Scriveva Giovanni Forni nella sua storia di Persiceto, in corrispondenza dell'anno 1893: "In una sol cosa i Persicetani, nonostante le profonde dissensioni politiche, si trovavano d'accordo, e cioè nel divertirsi e nel far divertire in tempo di carnevale. Una società, fondata già da molti anni, intitolata a Bertoldo, e che si aggregò l'altra già del ribelle suo figlio Bertoldino, riunì soci di ogni classe e di ogni partito, ed indisse corsi mascherati, feste popolari, veglie danzanti, lotterie di beneficenza e divertimenti popolari, per modo che, mentre negli altri paesi il carnevale era da gran tempo morto e sepolto, a Persiceto riviveva con tanto brio come e più che ai bei tempi antichi". Nel corso degli anni si sono avute diverse pause dei corsi mascherati, tra cui le più lunghe sono state in occasione delle due guerre mondiali, e dal 1956 al 1969 compresi. Dal 1970 il Carnevale è ripreso e non ha più subito interruzioni e, quest'anno, giunge alla 140a edizione.

Cos'è lo spillo?
Il Carnevale Persicetano si tiene in due domeniche di Carnevale: nella prima domenica ogni carro esegue il proprio Spillo, mentre nella seconda si ha la Premiazione del Carro Vincitore. La manifestazione si svolge lungo un percorso circolare, ricavato nelle vie del centro di San Giovanni in Persiceto e che attraversa la piazza centrale del paese. Qui, tra le facciate della Basilica Collegiata e del Municipio, avvengono sia la Rappresentazione dello Spillo che la Premiazione. Lo Spillo, in dialetto "al Spéll", significa letteralmente "zampillo" o "schizzo", ma assume anche il significato di trasfigurazione. L'antico Vocabolario del dialetto bolognese della Coronedi Berti, alla voce "Spéll", accanto all'accezione di "zampillo, schizzo", ne annovera anche un'apposita di "trasfigurazione. Il trasfigurare, il far mutare effige e figura; e lo diciamo di que' giuochi che si fanno ne' spettacoli". Infatti i carri si presentano in piazza camuffati, e qui ad uno ad uno si trasformano quasi completamente, "dischiudendosi" e svelando così la propria allegoria. Per mezzo di ingegnosi meccanismi nascosti, appaiono forme nuove, nuovi e più brillanti colori, maschere e personaggi che recitano una breve pantomima, il tutto accompagnato da una studiata colonna sonora. Il carro si fa così palcoscenico, la piazza diventa teatro e la sfilata si muta in rappresentazione. Dalla "scatola chiusa" del carro, come dal cilindro di un grande mago, può uscire di tutto: angeli e diavoli, navi semoventi e animali strabilianti, fiori bellissimi e frutti giganteschi, grandi raffigurazioni di personaggi famosi, esplosioni, fumi di ogni colore. E anche da fuori del carro possono arrivare stuoli di maschere a gremire la piazza, o carrelli e arnesi dalle fogge più inconsuete a completare il carro e a dar corpo alla narrazione. Ed è in questa magia che sta il fascino principale del Carnevale Persicetano: il momento in cui, letta la breve relazione introduttiva, il presentatore pronuncia la fatidica frase: "Il carro può eseguire lo Spillo".

DISCLAIMER: Questo noodl è stato emesso da Comune di San Giovanni in Persiceto ed è stato inizialmente pubblicato su www.comunepersiceto.it. E' stato distribuito da noodls, senza alterarne il contenuto, il 2014-01-29 17:59:13 CET. L'emittente è il solo responsabile delle informazioni in esso contenute.

[Fonte: Bologna OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Ultime notizie

Altre notizie

Mappa

Calcola percorso in auto

Bologna OnLine pubblicità